Cuqù

Giorgio Pemberton - Stella Duchamp

Davide Ruzza.

Da dove nascono i suoni e quando assumono una forma perfetta, lui lo sa. Inizia gli studi al Conservatorio G. Verdi di Torino. Li prosegue al Conservatorio internazionale di Lugano sotto la guida del M° Massimo Laura. Consegue il diploma di chitarra. Forse è a questo punto che compare il sigaro. Il profumo acre dei Toscani e degli Avana lo circonda come una nebbia nordica, rievocando Jean Gabin e Yves Montand in certe pellicole antiche, in bianco e nero.
Si perfeziona con il chitarrista belga Godelieve Monden e con il celebre chitarrista venezuelano Alirio Diaz, vincendo numerosi concorsi come solista. A questo punto della storia i sigari stanno già dentro una scatola di alluminio che si porta sempre appresso. Ora lo si può vedere in un'inquadratura di Alba tragica, accanto a Jean Gabin vestito da partigiano. Stanno accendendo un camino dentro una baita in alta montagna. Moriranno tutti, ma tanto è soltanto un film. Si diploma al Conservatorio G. Verdi di Torino in: Musica corale e direzione di coro col M° Sergio Pasteris, in Strumentazione per banda col M° Giuseppe Ratti e in Composizione con il M° Daniele Bertotto, conseguendo il miglior diploma di composizione dell’anno 2004/2005. A questo punto della storia lo possiamo vedere in certe inquadrature di film girati negli anni sessanta a Cuba, con il basco in testa e in bocca gli stessi sigari che fumava Che Guevara. È stato assistente nella classe di composizione di Daniele Bertotto e si è laureato in Analisi e tecniche della composizione musicale con il M° Gilberto Bosco. Tornato in Italia dopo il periodo cubano con una lettera di raccomandazione scritta per lui da Gabriel Garcia Marquez, tenta di ripulirsi da ogni residuo rivoluzionario e mettersi in regola. Ci riesce. Laureato in lettere moderne (storia della musica) all’Università degli studi di Torino. Svolge attività didattica e concertistica, come solista e in formazioni cameristiche. Come autore ha scritto musiche per diversi organici e differenti generi dalla musica classica alle produzioni visive. Ha composto la colonna sonora per il cortometraggio “Aspettando Vera” per il regista Mirko Urania e le musiche per il mediometraggio “Il sonno della ragione” con la regia di Fabio Gianotti (www.ilsonnodellaragione.it). Come compositore è risultato vincitore della borsa di studio della fondazione De Sono di Torino (www.desono.it) grazie alla quale si è perfezionato in musiche da film con il compositore americano Paul Glass, in Svizzera. Ma Cuba e la Francia del nord occupata dai nazisti sono ancora due immagini forti riflesse nottetempo sulle lenti dei suoi occhiali. Per questo soffre d'insonnia.

  

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.davideruzza.it

 

Sei qui: Home Crediti Davide Ruzza