Cuqù

Giorgio Pemberton - Stella Duchamp

L'Oroscopo.

 A cura di silvius kERKEGARD

 Comunque sia, fatevelo piacere. Sono le stelle. 

Rivolto a coloro che stanno componendo e strutturando canzoni nella solitudine della loro stanzuccia. Con la speranza che qualcuno, prima o poi, venga a salvarli. Perchè la musica è un lavoro duro, troppo duro per i tempi che corrono. Figurarsi la composizione. Organizzare un oroscopo appositamente per loro è stato, da parte nostra, un gesto lungimirante e miserircordioso. Almeno, consultandolo, avranno l'impressione di essere comunque diretti da qualche parte. Silvius Kerkegard non appartiene all'ambiente e questo è già una garanzia. Estrapola giacinti da terreni abbandonati, per ripiegare sulle patate quando la stagione si fa più rigida. In attesa dei germogli, consulta libri e contempla le stelle. I risultati di queste contemplazioni finiscono ogni mese nella nostra rubrica.

 

Ariete.

(21.3 – 20.4) 

Marte furbetto, vestito da Arlecchino con calata sul naso la maschera della Commedia dell'Arte. Significa generale rinascita. Torna il buon umore. Voglia di lazzi, ghiribizzi, scherzi crudeli. Giove bonario, si può prendere la vita dal lato migliore. Se riuscite a trovarlo. Per tutto il mese si annuncia una progressiva crescita, con pochissime eccezioni. Anche in altezza. Tre o quattro centimetri in più, per le razze mediterranee, fanno già un bel motivo di buon umore. Migliora anche la dentatura. Strumento consigliato in questo periodo: oboe. Genere musicale da approfondire: country-jazz. Con l’oboe che fa i fraseggi al posto del banjo.

 

Toro

(21.4 – 21.5) 

La quadratura di Marte esaspera soprattutto chi è nato in Aprile, mentre Giove potrebbe offrire occasioni abbastanza interessanti anche nei trastulli sentimentali, ammesso che riusciate a chiamarli così. Trastullo è parola magnifica, in transito, elastica, usata solo da individui dai gusti raffinatissimi. Tra trastullo e vero amore c’è la stessa distanza che intercorre tra l’elefante e il topo, ma al rovescio. Ricordatevene quando vi scoprirete a fare gli occhi dolci. Strumento consigliato in questo periodo: pianoforte. Genere musicale da approfondire: blues mediterraneo. Anzi: partenopeo. Con arpeggi di nona, l’ultima nota tre ottave sopra. Fatevi aiutare da qualcuno.

 

Gemelli.

(22.5 – 21.6) 

Spericolatezze ovunque, arrampicate ardite, stili di vita impensabili solo fino a qualche anno fa. Questo è quello che vi aspetta nei prossimi giorni, con la speranza che almeno ve ne accorgiate. Altrimenti, pazienza. Una buona tisana a tarda sera riconcilia con le parti più burrascose del vostro carattere. State lontani da qualsiasi individuo di genere opposto al vostro. Nei momenti di astinenza coatta, ricamate o dedicatevi all’uncinetto. Strumento consigliato in questo periodo: percussioni. Ovvio. Con aggiunta di gong tibetano e campanellini scacciaspiriti. Genere musicale da approfondire: canto Sufi con accompagnamento di Sitar. Meglio prendere qualche lezione da qualcuno un po’ esperto, per non rovinarsi le corde vocali.

 

Cancro.

(22.6 – 22.7) 

La congiunzione di Giove, che molti astrologi spregiudicati considerano gaudente e creativa, vi attende appena fuori dall'uscio di casa. Copritevi bene. Il trigono di Saturno vi proteggerà, ammesso che non sia già impegnato a soccorrere altre persone in altri segni. La vostra smania di socialità vi spingerà a essere dappertutto, contemporaneamente, impegnati in conversazioni multiple e con persone di ogni etnia. A un certo punto vi accorgerete di aver scordato perfino l’indirizzo della vostra abitazione. Ma non preoccupatevi: dormite per strada. Vi farà bene. Meglio scoprire dove alloggia una parte dei vostri contemporanei. Nuove amicizie all’orizzonte. Strumento consigliato in questo periodo: chitarra elettrificata. Genere musicale da approfondire: punk-rock. Quando avrete acceso l’amplificatore, ormai con il plettro in mano, ricordatevi l’inizio di questo racconto di Borges: “…Sono un taglialegna. Il nome non importa. La capanna in cui sono nato e dove presto dovrò morire, è al limitare del bosco…”

 

Leone.

(23.7 – 22.8) 

Siete trionfanti, indistruttibili, impermeabili a qualunque critica. Non chiedetemi perchè. Lo dicono le stelle e io mi limito a riferire. Comunque, complimenti per la superba corazza che i vostri genitori vi hanno confezionato. Non disprezzatela, anzi: fatene buon uso. Occhio al vostro appetito. Chi è troppo trionfante tende a mangiare fino all’eccesso. Occhio anche al vostro talento musicale, ammesso che ci sia. Chi è indistruttibile tende a non imparare nulla, nemmeno le basi elementari dell’armonia. Vale per lo strumento che suonate ma vale anche per l’amore. Nonché per la salute. Strumento consigliato in questo periodo: fischietto. Genere musicale da approfondire: marce nuziali. Anche qui sarebbe meglio ricordarsi l’incipit di un superbo racconto di Borges: “…E’ l’amore. Dovrò nascondermi e fuggire. Crescono i muri del suo carcere, come in un sogno atroce…” Auguri di cuore.

 

Vergine.

(23.8 – 22.9) 

Bravissimi. Inossidabili. Pervicaci. Adorabili. Tutta la congiunzione astrale parteggia per voi. Preferite approfittarne o lasciar perdere? Prudenza vorrebbe lasciar perdere, per non avere, a breve, cattive sorprese. Ma se siete tentati dal gioco d'azzardo a grandi livelli, bene, è il momento di buttarvi senza alcun scrupolo. Vale per lo strumento da approfondire in questo periodo: il violino. E, di conseguenza, le partiture da avvicinare: Bach e Mozart. Finalmente! Ignari di contrappunti e orchestrazioni vocali, rimanete comunque seduti davanti agli spartiti almeno un’ora ogni giorno, tentando di estrarre un suono decente dal vostro violino preso in affitto. E disperate. Serenamente. Entrateci dentro a quella disperazione. E lasciatevi travolgere. Sarà il primo bagno di umiltà della vostra vita. Dopo quattro settimane scoprirete quanto ne avrà guadagnato la vostra pelle: più vellutata, morbida, quasi luminosa. Spariti i brufoli. Per non parlare dei lineamenti del vostro viso: distesi, sereni, quasi infantili. Finalmente liberati dall’orrore di diventare Mozart a tutti i costi.

 

Bilancia.

(23.9 – 22.10) 

Marte dietro la nuca. Non lo vedete, ma è lì. Chi è nato tra l'1 e il 15 novembre farebbe meglio a stipulare subito un'assicurazione sulla vita. Così, per mostrare di avere a cuore anche il benessere delle persone che vi circondano. Chi è nato nelle altre decadi, faccia lo stesso. Per precauzione. Detto questo, andate in giro ugualmente, a caccia di idee. Appena ne trovate una che vi piace, rubatela. Agli amici dite che è vostra. Ci crederanno. La cosa straordinaria è che, col tempo, diventerà davvero vostra. Senza volerlo, vi ho svelato un segreto dei grandi artisti. Fatene tesoro. Picasso ha derubato tutti gli amici che aveva e, siccome era il più famoso, le rimostranze dei veri autori sono diventate meschine speculazioni da parte di gentucola invidiosa. Strumento consigliato in questo periodo: la fisarmonica. Genere musicale da approfondire: il tango. Ma solo quello di Astor Piazzolla. E solo quello antecedente agli anni ottanta. Dopo è diventato un compositore contemporaneo a tutti gli effetti, come Luciano Berio e Bruno Maderna. Inavvicinabile. Armatevi di pazienza. Il tango è uno stato d’animo che nasce dentro, per esasperazione. Dovete prima immergervi nei vostri nodi esistenziali e attendere che arrivino quasi a strangolarvi. Solo dopo, arriva il tango.

 

Scorpione.

(23.10 – 21.11) 

Il vostro caratteraccio è sempre stato un segno di distinzione sociale. Vi ha permesso di realizzare cose che le persone di carattere gentile nemmeno si sognavano. Ora Plutone, Uranio, Venere, Marte e Saturno hanno deciso di darvi una bella lezione. Ma non spaventatevi. Sono pianeti. Hanno un’immaginazione ben diversa dalla nostra. Come strumento musicale, infatti, vi consigliano il clavicembalo. E come genere da approfondire, tutta la canzone popolare italiana. Comprendendo i Cantacronache e Giovanna Marini. Amerebbero molto che voi cominciaste anche a cantare in un dialetto stretto. Clavicembalo e musica popolare sono una bella contraddizione. I pianeti vi invitano a risolverla. Ricordandovi che anche l’amore vive e prospera tra infinite contraddizioni.

 

Sagittario.

(22.11 – 21.12) 

Un po' del corpuscolo di qualche stella vi è caduto addosso ma ancora non ve ne siete accorti. Avete la percezione di essere più pesanti ma pensate che sia dovuto solo a qualche problema digestivo. Invece, no. Vi portate in giro dei metalli radioattivi che contaminano chiunque entri in relazione con voi. Con quale risultato? Mai andata così bene, la vostra vita sentimentale. Com’è possibile? Semplice. Come per i funghi, le radiazioni vivacizzano i colori della vostra pelle, dei capelli, degli occhi, rendendovi quasi fosforescenti. E’ un richiamo irresistibile, per gli accoppiamenti, meglio se in situazioni campestri e notturne, dove questa fosforescenza diventa davvero stellare. Strumento consigliato in questo periodo: sintetizzatori, tastiere e tutto ciò che fa musica elettronica. Genere musicale consigliato: l’abbiamo appena detto. Registrate tutto, anche con una telecamera. Almeno, quando questi corpuscoli stellari vi abbandoneranno, rimarrà un documento che attesti la veridicità di quanti vi è accaduto.

 

Capricorno.

(22.12 – 21.1) 

Lo schema planetario ha subito un sobbalzo per cause ignote. Succede. Mercurio e Marte si sono avvicinati suscitando le rimostranza di Giove. Uranio è scomparso per un paio di giorni per ricomparire malconcio accanto alla luna. Poi, tutto è tornato come prima. Ma non voi. Che di queste fluttuazioni ne state pagando le conseguenze. Dov’è situato esattamente il vostro cuore? E il fegato? La milza? La prostata? Infine, che fine ha fatto l’amigdala? Perché, improvvisamente, questi organi fondamentali alla sopravvivenza hanno cambiato ubicazione nel vostro corpo? Perché è in atto una rinascita e dovete approfittarne. Strumento consigliato in questo periodo: saxofono soprano. Genere musicale da approfondire: il beat, tra gli anni sessanta e gli anni settanta. In attesa della rinascita, una nuotata nel passato magari aiuta.

 Acquario.

(22.1 – 19.2) 

Non uscite di casa per almeno quindici giorni. Per nessun motivo. Non ricevete nessuno. E, soprattutto, non rispondete al telefono. Se in passato avete tanto desiderato di mettervi a dipingere paesaggi con l'acquarello, bene, è arrivato il momento di farlo. Senza dirlo a nessuno. Chiusi in casa, aspettate pazienti che le stelle abbiano finito di far casino sopra la vostra testa per trovare finalmente una collocazione più equilibrata al vostro carattere. Il che non è affatto detto che avvenga. Nutritevi solo di tisane e minestrine. Approfittatene per entrare nella clandestinità. Saranno i vostri acquarelli a testimoniare cosa è realmente accaduto in questo periodo. Se riuscite anche in questo numero di funambolismo, cambiate nome. Meglio se orientale. E parlate in un’altra lingua. Se non ne conoscete nessuna, inventatevela. Strumento consigliato in questo periodo: il contrabbasso. Genere musicale da approfondire: il samba. Vinicius De Moraes, Caetano Veloso, Milton Nascimiento. Vedrete che acquarelli.

 

Pesci.

(20.2 – 20.3) 

Non è affatto il segno degli artisti e dei sognatori come viene creduto da milioni di ingenui. Anzi, è un segno pericolosissimo. Subdolo, bipolare, sibillino, ombroso, rancoroso e vendicativo. Chi ha la sfortuna di portarselo addosso, in queste decadi deve assolutamente rimanere in silenzio per non combinare altri guai. Guai spacciare consigli, fare dichiarazioni d’amore, professare fedi politiche, lanciarsi in battute ironiche. Silenzio assoluto, fino alla comparsa del prossimo segno. Strumento consigliato: nessuno. Genere musicale da approfondire: nessuno. Abbiamo già troppi problemi. Anzi, se l’individuo dei pesci rinunciasse a fare musica sarebbe un bene per tutti.

 

 

Sei qui: Home Disservizi l'oroscopo